Eventi


Xu Ke | Cristina Gori 路口-Crossroad – 19 maggio ore 18.30

Posted by on mag 10, 2017 in Eventi, Notizie | Commenti disabilitati

Dopo il successo dell’esposizione veneziana, sale sarà la galleria Nelumbo Asian Fine Arts ad ospitare la mostra ??Crossroad che vede esposte insieme le opere ad inchiostro acquerellato su carta del pittore cinese Xu Ke e l’installazione ambientale di Cristina Gori, mind Flow.  In questa suggestiva galleria nel cuore di Bologna, da anni impegnata nella promozione di arte orientale, si incontreranno nuovamente dal 19 maggio al 16 giugno i lavori dei due autori, l’inaugurazione sarà venerdì 19 maggio alle ore 18.30.

Apparentemente agli opposti per genere, provenienza, linguaggi, tecniche e tradizioni; ciò che li accumuna è il punto di partenza della loro ricerca artistica, che nasce da una profonda meditazione sull’ambiente naturale, insieme alla particolare importanza che ricoprono la manualità, la tecnica e il tempo nella realizzazione delle loro opere. Lo studio attento e minuzioso delle reazioni dell’inchiostro sulla carta di riso nelle opere di Xu Ke, è analogo alla cura e alla pazienza necessarie per realizzare i 134 elementi di stoffa di Flow, tagliati e cuciti a mano da Cristina Gori.

Il titolo ?? – Crossroad indica il crocevia tra due culture ed è, insieme, una metafora sulla comunicazione; giocando sul significato della parola cinese ?? (lu kou), dove il secondo carattere – kou - significa anche “bocca”, si allude ad un incontro da cui nasce, spontaneamente, un dialogo; l’asse su cui avviene è quella via, non solo simbolica, che unisce da secoli Il nostro Paese alla Cina. Un’intesa che la città di Bologna conosce bene, dato che è stata la prima città italiana ad ottenere il prestigioso riconoscimento governativo “Welcome Chinese”.

La mostra, promossa dall’Associazione Culturale ?? YUANFEN, è realizzata in collaborazione con la galleria FQ Projects di Shanghai, con il patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Shanghai, della Camera di Commercio Italiana in Cina e dell’Istituto Confucio dell’Università di Bologna.

Quella di Bologna è la seconda tappa di un progetto espositivo nato in viaggio, “on the road”, sulla rotta Venezia-Shanghai e che proseguirà nel 2017 in varie città di Italia. Prossima fermata: Firenze.

Share

Announcing 2018 artist-in-residence program

Posted by on dic 17, 2016 in Blog, Eventi, Notizie | Commenti disabilitati

thumb_alr_0013_1024

Galleria Nelumbo Artist-in-Residence Program offers dedicated artists a supportive and
transformational environment to further their creative development. Based in the historical city
Bologna, medicine Italy, there artists can experience unencumbered time to allow for thoughtful reflection and
development of their work.
It is expected that residencies will last at least a month but artists are encouraged to specify how
much time they need for their project. Nothing shorter than two weeks will be considered. The are
three possible time slots for the residency for the year 2018:

• winter residency, starting from January 1st to March 31st
• spring residency, starting from April 1st to June 30th
• fall residency, starting from September 1st to November 30th

Artists from diverse multidisciplinary fields are encouraged to apply. This includes visual artists,
writers, photographers, film makers and textile artists, among others.
Please indicate in your application or project description if you are currently a student, and
include the name of the institution you are attending.
Artists are responsible for their own travel costs, equipment, and materials.
Awarded artists are supplied with the following lodging and work spaces: a private one-bedroom
house with living room, kitchen to cook for themselves, work/study area and a two rooms exhibition
space in the gallery.

Application deadline September 2017.
For further informations please download the form below.

artist-in-residence-nelumbo-2017

Share

Oltre l’orizzonte – Mostra personale di Tatsunori KanÅ?

Posted by on apr 20, 2016 in Eventi, Notizie | Commenti disabilitati

cartolina_web

 

La mostra di Tatsunori KanÅ?, decease Oltre l’orizzonte, arriva sabato 7 maggio alle ore 19.00 presso la galleria Nelumbo – asian fine arts- di Bologna, continuando un itinerario di appuntamenti espositivi, fra Faenza Bologna e Ferrara. Una serie di incontri con il pubblico sull’intrecciarsi della tradizione artistica giapponese con quella italiana, laboratori con adulti e bambini, completano lo scambio e guidano oltre l’orizzonte.

Ad un primo rapido sguardo, l’opera di Tatsunori KanÅ? può trarre in inganno l’osservatore distratto e alla ricerca di facili accostamenti, facendogli pensare all’action painting [...]. Al contrario, dal mio punto di vista, il lavoro di KanÅ?, per cui nutro una profonda ammirazione, non ha nulla di casuale poiché presuppone una visione chiara, netta, del risultato finale, ancor prima che l’artista abbia intinto il pennello nel colore. Osservando con attenzione le sue opere in occasione di una visita al suo atelier,
ho colto un forte legame con la tradizione artistica dell’Asia Orientale. Ho avuto l’impressione che, come il pittore cinese classico prima di disegnare e rendere l’essenza del crisantemo, il suo nobile portamento e la sua inebriante fragranza, sgombera mente e spirito al fine di far nascere dentro di sé l’idea compiuta del fiore, così KanÅ? faccia il vuoto dentro sé stesso, lasciando che la sua visione artistica più pura assuma gradualmente una forma, filtrata attraverso le proprie percezioni, per poi conferirle concretezza con un gesto preciso, ponderato, studiato, che non prevede alcuna esitazione. [...]
Manuela Moscatiello
Centro Studi d’Arte Estremo-Orientale

Tatsunori KanÅ? è nato a Hiroshima, Giappone, nel 1954.
Terminati gli studi alla Nihon University of Fine Art di Tokyo e specializzatosi in pittura nel 1977, inizia la sua carriera artistica ed espone nel gruppo Kokugakai.
Attratto dalla storia dell’arte occidentale, vince nel 1980 una borsa di studio del Governo italiano, e si trasferisce in Europa. Visita i principali musei e ne studia al vivo i capolavori. Si stabilisce a Bologna, qui frequenta e si diploma nel 1985 all’Accademia di Belle Arti, avvicinando così la vita artistica italiana.
Da quegli anni ad oggi è intensa la sua attività espositiva in Italia e all’estero. Molte e significative le mostre personali, e molte le personalità della cultura che incontra.

Sabato 20 maggio l’artista svolgerà una performance pensata appositamente per il giardino della Nelumbo che avrà luogo alle ore 19.30 con la partecipazione del liutaio e violinista Alessandro Urso.

La mostra è visitabile il mercoledì dalle 16 alle 19 e su appuntamento

Share

Eco d’ombra – Clementina Mingozzi

Posted by on nov 11, 2015 in Eventi, Notizie | Commenti disabilitati

invito-Eco_d_Ombra

Un eco reso tangibile dalle opere in mostra, buy information pills una personale di Clementina Mingozzi.
Tecnica rara da vedere utilizzata con questa grande intensità d’espressione. È l’artista visiva più nota in Italia in questo campo, discount illustratrice, medications ombrista, opera in solo carta, taglio e strappo; papirografia pura (così si definisce questo tipo di sensibilità che ha radici antiche nel teatro d’ombra orientale e genitori illustri: dalla creatrice del primo film di animazione, Lotte Reiniger, allo scrittore danese Hans Christian Andersen).
La mostra Eco d’ombra, di Clementina Mingozzi inaugura sabato 28 novembre 2015 alle ore 19 e si protrae fino a sabato 19 dicembre presso la galleria Nelumbo-Asian Fine Arts- di Bologna.
Sono state esposte recentemente le illustrazione dell’artista dedicate alla poesia giapponese, Haiku, alla Fiera del Libro dei Ragazzi, alla Libreria internazionale e a partire dal 28 Novembre fino al 19 Dicembre, sarà visitabile su appuntamento l’esposizione delle sue opere con i suoi ultimi lavori, un diario di viaggio della sua ricerca artistica degli anni recenti.
Jean-Charles Trebbi, autore del volume L’art de la découpage , Éditions Alternative, Paris 2010, così scrive di lei per questa occasione: “…la nostra immaginazione completa istintivamente la visione [dell’ombra]… si re-interpreta il buio della carta nera e il contrasto di sagome attraverso l’esperienza personale. Clementina ci porta nei sogni, ad occhi aperti, sensibili ai molteplici umori poetici. Le sue creazioni sono speciali, senza fronzoli, senza esagerazioni, sempre con semplicità e purezza. Siamo grati a Clementina per averci dato questi delicati giochi d’ombre, tagliate per la nostra grandissima gioia.�

In accompagnamento alla mostra, è previsto un incontro  e un laboratorio che si terrà presso la galleria.
Le date sono:
mercoledi’ 9 dicembre 2015, ore 18.30
Papirografia ed animo delle forbici
conversazione con Clementina Mingozzi
fino ad esaurimento posti

sabato 19 dicembre 2015, ore 15-16.30
Papirografia, spirito dell’Haiku
Laboratorio a cura dell’artista Clementina Mingozzi
massimo 10 persone

 

 

 

 

Share

Inda Angelica Fiamma – figure della contemplazione

Posted by on apr 29, 2015 in Eventi, Notizie | Commenti disabilitati

MOSTRA PROROGATA FINO A SABATO 20 GIUGNO

La mostra Inda Angelica Fiamma: figure della contemplazione, pill di Octavia Monaco inaugura sabato 9 maggio 2015 alle ore 19 e si protrae fino a sabato 13 giugno presso la galleria Nelumbo-Asian Fine Arts- di Bologna.

Docente di Illustrazione presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, stomach assai nota al panorama bolognese e italiano per le innumerevoli esposizioni e lavori editoriali, information pills Octavia Monaco rinnova in questo itinerario l’impronta del suo stile inconfondibile, arricchendolo con nuove elaborazioni. La sua è una galleria di figure femminili archetipiche che si collocano nel confluire di Oriente e Occidente; tra preghiere estatiche, danze cerchiate, assorbimenti contemplativi, profezie oracolari, recuperando simbologie e iconografie care al serbatoio di tutte le confessioni religiose. L’artista rielabora i sedimenti di un ricco patrimonio spirituale e, senza sublimazioni, volge il dettato corporeo femminile all’interno di espliciti richiami alla nascita o alla gravidanza; scalando Madonne, Sibille e Deità dentro a prospettive dai forti richiami asiatici e bizantini, offre la sua personale interpretazione della sacralità generativa, in una visione immaginifica dalle valenze universali, valevoli per ogni forma di raccoglimento, preghiera, liturgia, celebrazione luminosa; nel contatto con tutte le forme del Creato. La mostra è curata da Paola Goretti.

In accompagnamento alla mostra, è previsto un ciclo di incontri tra arte e sacralità presso la galleria. Le date sono:

sabato 16 maggio 2015, ore 19 Del generare conversazione con Paola Goretti e Octavia Monaco

giovedì 4 giugno 2015, ore 19 La fontana di Ecate conversazione con Loris Solmi

sabato 13 giugno 2015, ore 19 Figure del sacro in movimento conversazione con Paola Goretti cartolina_web-Inda

Share